L’Unione europea elabora la sua strategia contro le fake news. La nuova commissaria al digitale, Mariya Gabriel, intende avviare una consultazione pubblica. L’intenzione, almeno per il momento, non è quella di intervenire direttamente per via legislativa ma lungo la falsariga dell’autoregolamentazione e del codice di condotta adottato dalle piattaforme come Facebook o Google sui post razzisti o di incitamento all’odio. Si partirà quindi con una consultazione che sarà lanciata nelle prossime settimane. In questa prima fase sarà importante identificare le pratiche migliori e un meccanismo di coordinamento, per capire cosa può fare l’Ue e qual è il suo valore aggiunto nella lotta contro le fake news