Anche l’alimentazione corretta può rallentare i sintomi dell’Alzheimer. È quanto sostiene lo studio clinico «LipiDiDiet», parte di un ampio progetto di ricerca finanziato dall’Unione Europea, che ha coinvolto 311 pazienti con Alzheimer in stadio iniziale, arruolati da undici centri di quattro nazioni: Finlandia, Germania, Olanda e Svezia. Cereali integrali, frutta, verdura e pesce azzurro sono le categorie di alimenti che aiutano il cervello a rimanere giovane. Segno che un corretto stile di vita, che contempla anche una regolare attività fisica, gioca un ruolo non secondario nell’insorgenza delle malattie neurodegenerative.