Google ha elaborato delle proposte per cercare di placare i regolatori europei, che le hanno comminato una multa da 2,42 miliardi di dollari. La prima proposta riguarda la revisione delle modalità di visualizzazione degli annunci di vendita nei propri risultati di ricerca, come richiesto dall’Antitrust dell’Ue. I competitor potranno, infatti, aggiudicarsi uno spazio per i propri prodotti avanzando delle offerte tramite un’asta. Google quindi competerà con i rivali per cercare di ottenere i primi posti nei risultati di ricerca e stabilirà un tetto massimo per le offerte, che potrà eventualmente essere superato unicamente dai competitor.